Ernesto Albanese

Sono nato a Napoli nel 1964 ma ho vissuto altrove buona parte della mia vita. A Napoli ho trascorso gli anni più importanti, quelli della scuola e dell'università, quelli che danno l'impronta alla formazione umana e professionale di ciascuno di noi.

E' per questo motivo che mi considero un napoletano "dentro" e sono legato a questa città da sentimenti contrastanti: ammirazione per le sue straordinarie risorse e frustrazione per il modo in cui esse vengono quotidianamente sprecate.

Faccio però parte di coloro che pensano che fare qualcosa, anche poco, sia meglio che non fare nulla ed abbandonare la città al suo destino. Troppi giovani, senza altra colpa se non quella di essere nati qui, meritano di avere una chance di valorizzare le straordinarie qualità nascoste che spesso non sanno nemmeno di possedere.

Credo inoltre fortemente che la politica dei piccoli passi, in luoghi come Napoli, sia enormemente più efficace dei progetti faraonici che poi rimangono nei cassetti per decenni.

Napoli ha bisogno di fatti, di messaggi di fiducia, di esempi positivi, tutte cose che la classe dirigente ha smesso da anni di dare.

Su questi principi nel 2005 ho dato vita, insieme ad un gruppo di amici, a L' Altra Napoli Onlus, un'iniziativa nata sulla scia della tragica fine di mio padre, vittima di una rapina in pieno giorno nel cortile di casa, nel centro di Napoli.

Mio padre amava Napoli ed avrebbe apprezzato quello che L' Altra Napoli sta facendo per i giovani ed i bambini del Rione Sanità, che sono i veri protagonisti dei nostri progetti.

Spero che altri napoletani "dentro", anche se residenti altrove, vogliano unirsi a noi in questo percorso di impegno sociale e di sviluppo economico ed umano.

Patterns
Heading Color
Clear Styles